Libreria a muro fai da te

Tavole e listelli di legno massiccio sono tenuti insieme da tasselli di legno, senza alcun elemento a vista per privilegiare le linee pulite che caratterizzano questa libreria a muro fai da te

Libreria a muro fai da te
Ancora una volta ci troviamo a ribadire che “semplice” non va confuso con “facile”: la libreria a muro fai da te che ha costruito il nostro lettore Antonio Di Prisco è essenziale (questo è l’aggettivo giusto!), l’unico vezzo estetico che si è concesso per non farla apparire un parallelepipedo sterile è ridotto alle due modanature inferiore e superiore.

Ma il metodo costruttivo di questa libreria a muro fai da te e il materiale sono un po’ diversi dai complementi commerciali: non viti e boccole con perni eccentrici, non truciolare bilaminato, ma unioni invisibili a lamello e tavole di castagno di buono spessore, piallate e tagliate a misura.

Lo stesso schienale, che spesso si riduce a un pannello di masonite fissato con graffe o chiodini, è in realtà composto da due pannelli racchiusi in un’intelaiatura di travetti nei quali sono aperte le numerose sedi per inserire i “biscotti” lungo tutto il perimetro, in modo che possa essere racchiuso tra fianchi, top e base. Lo stesso si fa per i ripiani, che hanno così posizioni obbligate, ma non presentano supporti visibili.

Per nobilitare la libreria a muro fai da te senza nascondere completamente le belle venature del legno ha scelto di stendere un mordente all’acqua di colore bianco, seguito dall’applicazione del turapori e da un trattamento finale a cera.

Realizzare le fresature per gli incastri

L’intera costruzione è affidata a giunzioni che vedono protagonisti ora i lamelli ora i tasselli domino. I primi hanno forma vagamente ovale e si inseriscono in sedi che possono essere aperte con macchine portatili appositamente concepite, ma anche montando appositi adattatori su smerigliatrici o trapani; i secondi, molto più tenaci e versatili, si basano sull’impiego di un particolare modello di fresatrice della Festool che utilizza “biscotti” disponibili in 14 misure. La fresa sfrutta un movimento brevettato rotatorio e pendolare (combinato) che evita surriscaldamenti e bruciature; i tasselli presentano scanalature longitudinali e superficiali che fungono da “tasche” per la colla, per ottenere unioni tenaci.
Ecco la predisposizione dei fianchi con il doppio sistema: le sedi per i lamelli nel profilo posteriore verticale e a domino per l’unione di base e top.
Per lo schienale si utilizzano solamente i lamelli che devono inserirsi in sedi aperte sul lato posteriore della base e del top, quindi ortogonali ai biscotti.
Con frese a più profili si ottengono le modanature dei listelli…
..da fissare lungo il bordo esterno di base e top (escluso ovviamente il lato posteriore).
Il montaggio prevede la collocazione di base e top a uno dei fianchi, a seguire lo schienale e i ripiani intermedi; conclude il lavoro il montaggio dell’altro fianco, con i numerosi incastri di diverso tipo e direzione che devono combaciare perfettamente: un montaggio preliminare in bianco è fondamentale per verificare l’esatta corrispondenza delle unioni.
Il fissaggio della libreria a muro fai da te avviene mediante l’utilizzo piattine matalliche angolari

[amazon_link asins=’B001497KOU,B0087OTTAS,B01LXNSET5,B071KVPG2M’ template=’ProductCarousel’ store=’bricoportale-21′ marketplace=’IT’ link_id=’a9a30926-88f1-11e8-a5b8-612954044241′]

Tavole e listelli di legno massiccio sono tenuti insieme da tasselli di legno, senza alcun elemento a vista per privilegiare le linee pulite che caratterizzano questa libreria a muro fai da te

Libreria a muro fai da te
Ancora una volta ci troviamo a ribadire che “semplice” non va confuso con “facile”: la libreria a muro fai da te che ha costruito il nostro lettore Antonio Di Prisco è essenziale (questo è l’aggettivo giusto!), l’unico vezzo estetico che si è concesso per non farla apparire un parallelepipedo sterile è ridotto alle due modanature inferiore e superiore.

Ma il metodo costruttivo di questa libreria a muro fai da te e il materiale sono un po’ diversi dai complementi commerciali: non viti e boccole con perni eccentrici, non truciolare bilaminato, ma unioni invisibili a lamello e tavole di castagno di buono spessore, piallate e tagliate a misura.

Lo stesso schienale, che spesso si riduce a un pannello di masonite fissato con graffe o chiodini, è in realtà composto da due pannelli racchiusi in un’intelaiatura di travetti nei quali sono aperte le numerose sedi per inserire i “biscotti” lungo tutto il perimetro, in modo che possa essere racchiuso tra fianchi, top e base. Lo stesso si fa per i ripiani, che hanno così posizioni obbligate, ma non presentano supporti visibili.

Per nobilitare la libreria a muro fai da te senza nascondere completamente le belle venature del legno ha scelto di stendere un mordente all’acqua di colore bianco, seguito dall’applicazione del turapori e da un trattamento finale a cera.

Realizzare le fresature per gli incastri

L’intera costruzione è affidata a giunzioni che vedono protagonisti ora i lamelli ora i tasselli domino. I primi hanno forma vagamente ovale e si inseriscono in sedi che possono essere aperte con macchine portatili appositamente concepite, ma anche montando appositi adattatori su smerigliatrici o trapani; i secondi, molto più tenaci e versatili, si basano sull’impiego di un particolare modello di fresatrice della Festool che utilizza “biscotti” disponibili in 14 misure. La fresa sfrutta un movimento brevettato rotatorio e pendolare (combinato) che evita surriscaldamenti e bruciature; i tasselli presentano scanalature longitudinali e superficiali che fungono da “tasche” per la colla, per ottenere unioni tenaci.
Ecco la predisposizione dei fianchi con il doppio sistema: le sedi per i lamelli nel profilo posteriore verticale e a domino per l’unione di base e top.
Per lo schienale si utilizzano solamente i lamelli che devono inserirsi in sedi aperte sul lato posteriore della base e del top, quindi ortogonali ai biscotti.
Con frese a più profili si ottengono le modanature dei listelli…
..da fissare lungo il bordo esterno di base e top (escluso ovviamente il lato posteriore).
Il montaggio prevede la collocazione di base e top a uno dei fianchi, a seguire lo schienale e i ripiani intermedi; conclude il lavoro il montaggio dell’altro fianco, con i numerosi incastri di diverso tipo e direzione che devono combaciare perfettamente: un montaggio preliminare in bianco è fondamentale per verificare l’esatta corrispondenza delle unioni.
Il fissaggio della libreria a muro fai da te avviene mediante l’utilizzo piattine matalliche angolari

[amazon_link asins=’B001497KOU,B0087OTTAS,B01LXNSET5,B071KVPG2M’ template=’ProductCarousel’ store=’bricoportale-21′ marketplace=’IT’ link_id=’a9a30926-88f1-11e8-a5b8-612954044241′]

Altri progetti di questo autore

2 commenti

    • Buongiorno Daniele

      Il sistema Festool non è altro che l’evoluzione di una tecnica artigianale: può preparare tasselli di legno simili, anche semplicemente squadrati, e inserirli in mortase calibrate su di essi.

      Cordiali saluti.

RISPONDI

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome qui

Altri progetti

Advertisment

Ultimi progetti

Mobile bagno “ringiovanito”

Mia figlia ha ristrutturato il bagno creando anche una piccola lavanderia, io avevo un mobile da bagno con stile classico che a lei non...

Doppio fondo per baule auto

Una cornice di rialzo in MDF supporta un coperchio, dello stesso materiale, apribile in due sezioni e in due modalità, fatto in modo da...

Come costruire una casetta sull’albero fai da te per bambini, con scivolo

Un progetto ben preparato e ben realizzato quello di questa casetta sull’albero fai da te che non grava sulla pianta, ma vi è totalmente...